Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 48
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0056
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0056
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
48

L E T T E B. K

XII.

Vienna 2.3. giugno ìySa.

F i • •

JL ha la repugnanza a scnvervi poco , e v
V impossibilità di scrivervi molto , son se-
coli ch’ io non vi scrivo nnlla . L’ ultiina
carissima vostra lettera, aceompagnata dall
altra in versi esigeva da me applausi, os-
servazioni, e ringraziamenti da non restrin-
gersi così di leggieri in poche righe: e le
mie occupazioni non mi iasciavano agio ba*
stante a scriverne molte. Una nuova ope-
ra frettolosamente commessa, quattro vez-
zose damigelle attrici da instruire, e tutto
il peso d’un magnifìco spettacolo da ordi-
nare e dirigere, son faccende che assor-
biscono tutta la mia nttività, pur troppo
senza questo esercitata da’ pertiuaci affetti
ipocondriaci persecutori implacabili de’nervi
miei. Ma qual bisogno discusa? È già sta-
bilito fra noi un certo discreto commercio
d’ indulgenza, che non ci soffre soggetti
agl’importuni canoni del ridicolo corrente

ce-
loading ...