Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 49
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0057
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0057
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 49

cerimoniale : ed assolve fìn la nostra pigri-
zia da qualunque sospetto di freddezza.

Ho riletta con vero piacere la lettera in
versi che vi è piaciuto indirizzarmi ; e mi
sono conFermato nelsopinione ; che sia que-
sta una delle vostre cose, delle quali dob-
biate essere partico.Iarmente soddisfatto . Es-
sa è piena in primo luogo di giudizio r e

Scribendirecte, sapereestetprincipium etfons.

Vi sono de’ tratti degni del pennello di
Apelle : e parmi fra’ vostri componimenti
quello, che meno si risenta di quella fol-
la d’ idee , che faceva ( a creder mio ) il
maggiore inciampo della vostra eloquenza.
In somma me ne congratulo nuovainente
con esso voi , e con tutto il Parnaso ita-
liano .

Un coneorso d’impertinenti circostanze
mi distrasse dal terminar questa lettera ,
quando l’incominciai con proponimento di
trattenermi buona pezza con esso voi. Or
sul punto di partir di Vienna per l’annua
villeggiatura di Moravia la termino corne
posso , se non come vorrei . Gioverà al
meno per darvi un abbraccio ; per render-
To: XIII. D vi
loading ...