Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 63
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0071
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0071
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E » 63

dee darsi, e se tutto avesse con la rap-
presentazione quel rapporto, che si con-
viene, e se in iine la musica dipingesse
le parole del poeta. Yoi mostrate come i
precetti vostri si possano felicemente ese-
guire ; e piacesse alle muse che d’oggin-
nanzi gli scrittori dramraatici vi prendes-
sero per guida e per maestro ! Ma il reo
costume troppo è signore de’musicali spet-
tacoli in Italia, e troppo insieme l’Italia
nostra universalmente è rozza , e non cu-
rante delie cose raigliori. Yoi meritavate
di. nascere in Atene ne’ suoi giorni felici.
Tuttavia io so buon grado alia suprema
disposizione, che v’abbia fatto nascere in
Vinegia a’ giorni nostri. Continuate ad il-
lurninar le nostre lettere con le divine
produzioni del vostro ingegno . Attenderò
ii poemetto, che vi siete degnato accor-
darmi per il nostro egregio signor conte
Sanvitale, che l’altro jeri fu da madama
reale regalato d’ una sontuosissima croce
dell’ordine dello Spirito Santo tutta mes-
sa a bellissimi brillanti, la quale dai pe-
riti, che non esagerano , vien giudicata
del yalore di due mila buoni luigi d’oro.

Ecco
loading ...