Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 66
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0074
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0074
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
€6 L.ETTER.E

ce e fatale è <juel legarne, che costi vi rs-
tiene. Oh perchè non son io il messagge-
ro cìegli Dei ; e non posso recarvi in Bo-
logna quel supremo comandamento, che
già recò egli in Cartagine? Codesta dimo-
ra vostra è però tanto laudevole, che vi
farebbe disubbidire, e vi assolverebbe.

Sopra i versi per l’inclito signor conte
Sanvitale voi nulla piu rispondete . Io do-
veva pregarvi di questo in circostanze me-
no contrarie. Bisogna ora in voi cercare
un Anacreonte, e non un Pindaro. Vede-
te tuttavolta se in qualche momento pote-
ste divenire il secondo .

Amatemi, e l’incomparabile vostra per-
sona custodite. Io sono il vostro grande
ammiratore ed amico vero .

P. S. Sabato scorso era il compleanno
di inadaraa infanta. Scrissi la stessa mat-
tina il retroscritto sonetto, che in Colorno
osai presentarle. Trovò nel suo clementis-
simo gradimento tutto quel merito, che
non ayeya tratto dalla raia penna .
loading ...