Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 68
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0076
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0076
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
68

L E T T E H E

y.

Parma 7. ottobrc 1 y56,

elice chi più di voi può aver contezza !

10 certamente più non so che addivenga
dell’ immortal vostra persona. Yo’ credere
che dolcemente corrano i giorni vostri,
che liorisca la vostra salute, che v’amino
le muse, come solevano ; ma se un cen>
no solo mi feste, onde rassicurar 1 e mie
conghietture, io ve ne saprei grado infi-
nito.

Ho dovuto in somma fretta raccorre al-
cune poesie per due monache illustri, che
sJ aggiungono all’altre. La marchesa Palla-
vicini, madre di queste, me ne pregò.
Dovetti raccorre in Parma quello , che po-
tevasi, e dovetti io scrivere tutto ciò, che

11 calor delìa mente mi dettò , e la brevi-
tà del tempo mi concesse . Yi mando una
copia di tali poesie. Forse una mia epi-
stola, che vi troverete, non vi dispiace-
rà. lo più non vi chieggo se venite a noi.

Temo
loading ...