Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 70
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0078
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0078
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
^6 L E T T E It E

stola vostra pel sig. di Voltaire . lo vesà"
mente ne difsusi qui alcune copie. A Bet-
tinelli non la raandai, credendo che un
poeta a voi si caro avessela prima avuta
da voi. Or egli da rae l’ha ricevuta, e
ve ne farà il suo coraplimento .

Madarria Pallavicini mi ha detto che sie-
te assai diinagrato. Non vorrei che la sa-
lute vostra dovesse un’altra volta farci tre-
raare. Pensafe a ristabilirla ed a conser-
varla. Vive in voi solo l’onor d’Italia e
delle lettere.

Che guerra fatale, per cui sino noi uo-
mini di pace dobbiam sofsrire ! La vostra
venuta in Parraa era il mio desiderio. Voi
me ne togliete ogni speranza. Non posso
rifarmi di tanto danno, che con venire a
Vrenezia. La nostra cornune amica mel
chiede da gran teinpo 5 e l’altro jeri con
sua lettera me ne rinova l’ istanze . Mi
dice di salutarvi in suo nome. Vi chiama
nn desertore ; ma nello stesso tempo vi
scusa, sapendo che il mal vostro non può
che per lontananza guerire . Io non so che
jni potrò risolvere. Ho anch’io inolte misure
da guardare * Sono tuttavia molto tentato.

lo
loading ...