Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 72
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0080
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0080
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

7a

VII.

Parma 3, decembre 17 56.

Che direte del mio silenzio, che fìnal-
mente mi si permette di rompere? Io non
vi lio risposto, perchè dal dì, che ricevei
l’elegantissima vostra, non sono mai stato
un momento di mia ragione *

Era qui venuto il signor commendatore
di Chauvelin ambasciador di Francia in To-
rino. Egli è il mio principal mecenate e
benefattore. Ho dovuto passare a Colorno,
coltivarlo, non perderlo di vista tra le di«
stinzioni, che riceyeva da’nostri reali so-
vrani e dalla corte tutta , genio venuto al
mondo per piacere, e per farsi adorar da
tutti. Jeri solamente è partito. Con lui
molto parlai di voi, ch’ egli molto per fa-
ma conosce e stima ed araa. A lui lessi
la vostra lettera, che molto gli piacque.
Si dolse che forse non sareste qui venuto
prima della sua partenza.

Or via, che fate più costì? Yincete una

volta
loading ...