Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 76
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0084
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0084
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
^6 L E T T E R E

frontandolo con la luc© dell’augusto mio
mecenate. Ah se fuste qui , quanto il con-
forto ed il consiglio vostro mi gioverebbe !

Penso dividere in due tometti da tasca
la mia stampa ; porre nel primo sonetti e
canzoni > e nel secondo alcuni sciolti ed
alcune cose berniesche efamiliari, che non
disconvengano *

La dedica al re ìa vo divisando in un’
epistola in versi sciolti. Yorrei porre nel
frontispizio il ritratto del re> e vorrei isto-
riarlo. Yoi, che siete ancora in pittura
saggio e conoscitore, suggeritemi qualche
pensiero pittoresco per farlo eseguire. Vor-
rei in esso anch’io comparire in atto di
presentare al re i miei versi. Non trovo
un mezzo verso latino d’antico autore il-
lustre per porvelo . Se alcuno ve ne ve-
nisse in mente, non mel tacete.

Ho mandato a Genova un mio sonetto
per fare omaggio ad un amico mio e pa-
drone grandissimoj ve ne mando copia.
Bisogna sapere ch’egli ha patteggiato con la
repubblica per accettare la suprema digni-
tà. Ha voluto che si dispensino certe leggi
austere dei principato, che tenevano gli

an-
loading ...