Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 77
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0085
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0085
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite» 77

antecessori suoi per due anni quasi prigio-
nieri della lor carica . Va, invitato , ai pran-
zi delle case più illustri, tiene la sera una
grande asseinblea in palazzo di dame e di
cavalieri, tratta splendidamente ; uscendo
in pubblico discende a salutare anche il
minuto popolo , e rende àfsabile quella mae-
stà, che negli altri era tutta riserva e con-
tegno .

Amatemi, ed in me risguardate il vo-
stro ammiratore ed amico .

Vi mando ancor copia del sonetto, che
jeri dissi quasi improvviso alla tavola del
signor ambasciador nostro di Francia, di-
retto al signor marchese Doria presente,
qua venuto a complimentar madama in-
fanta in nome della repubblica. Ma voi
quando verrete qua? Sono indissolubili for-
se le catene politiche, che vi ritengono?
lo non ispero ormai tanto bene .
loading ...