Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 84
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0092
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0092
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
84 Lettere

piacere dal signor de Keralio, dal signoT
abate di Condillac, governatore e precet-
tore del real principe ereditario, e dal si-
gnor ministro ed intendente du Tiìlot, ge-
nio, che si può dire F intelligenza delle
cose nostre.

Noi abbiamo qui fondata un’accademia
delle belle arti. S. A. R. Fha ricevuta,
anzi Fha fatta nascere sotto il suo padro-
cinio in grembo alla sovrana sua beneficen-
za. Io ho scritto al signor Giampietro no-
stro Zanotti celebratissimo , perchè vorrem-
mo aver fuori degli accademici associati,
che ci bisognano per tutto ciò, che può
occorrerci nelle città straniere, e princi-
paimente per dar nome alla nostra nascen-
te instituzione. II buon Zanotti mi dice
ch’egli e il signor Franceschin suo fratel-
lo incomparabile si recheranno ad onore
d’esservi ascritti. I-o nonosodirvi, se ame-
reste pur voi d’esserlo. Non so, se le cir-
costanze de’ tempi presenti possano met-
tervi in rìssessioni politiche . Nol dovereb-
bero. Le belle arti sono amiche di tutte
)e nazioni, e non fanno guerra , che alla
barbarie, ed alla obblivione nemica de’no-

im
loading ...