Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 89
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0097
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0097
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T- E * 89

éondano. Ella però si vanta un’altra Pe-
nelope. lo lo credo < Ma il vostro soprav-
venire mi fa paura. Se credessi che costà
sopraggiungendo potessi rinovar le pruove
d’ Uiisse, forse mi movereii

Fate tosto di rendere i dovuti omaggi à
così bella ed egregia creatura. Ho scritto
al vostro libra/o il signor Pasquali > e l3ho
pregato di comunicarvi la mia lettera < Egli
non mi fa l’onore di rispondermi. Degna-
tevi interpellarlo * e fate che eseguiscà quanj
to gl’impongo. Egli un giorno se ne po-
trebbe trovar contento < Non dico di piu \
perchè per ora non posso. Compiacetevi
pure assisterìo nella nota deMibri, che gli
domando. Faté che sia esatta e bene scel-
ta? e fornita delle richieste notizie.

Mi era stato scritto che m’ indirizzassi
costà al signor Marcovich colonneilo ed
ingegnero della serenissima Repubblica per
avere soggetti idonei, che di costà doman-
dassero aggregazione alla nostra accademia <
lo penso di non ne far altro; e di pregar
voi che parliate al divino Tiepoletto, ed
a pochi altri costì s che amino o professino
le belle arti^ e che mi mandiate la nota

di
loading ...