Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 96
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0104
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0104
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
9S L E T T E n E

dimostrazioni di particolar gradimento quel-
lo, che di lui dite e della sua corte. Mi
ha fatto l’onore d’incaricarmi a ringraziar-
vene, ed a dirvi mille cose. Io di queste
mille una sola ve ne dirò, che val tutto .
Mi ha ordinato di non tacervi il suo desi-
derio di conoscervi personalmente, e di
vedervi. Potrete voi resistere a sx onore-
vole e grazioso invito ? I vostri due dram-
mi delineati nel vostro saggio certamente
erano quegli, sopra i quali sarebbe caduta
la nostra scelta, se sventuratamente questo
awiso non ci giungeva quando già il sug-
getto ed il poema era scelto 7 e mezzo la-
vorato. Questo è l’Ippolito ed Aricia , dram-
rna musicale dato in Parigi più volte. II
tempo essendo brevissimo, voi vedete che
appena io posso, seguendo la traccia di tal
poema, metterlo in versi nostri, e nello sce-
neggiamento adattarlo all’ uopo de’ nostri
musici e danzatori. Ma ciò che si differisce,
non si toglie. Se questa nuova foggia di
spettacolo musicale avrà successo , noi Ia
continueremo, ed allora o la vostra Ifige-
nia, o il vostro Enea potran fare le delizie
e l’onore del nostro teatro.

Io
loading ...