Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 100
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0108
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0108
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ìoo Lettere

Mi è cli costà stato trasmesso un volu-
metto di canzoni stampate, delle quali è
autore il signor conte Savioli . Vorrei che
me ne diceste yoi il vostro sentimento senza
simulazione alcuna. A me pajono belle e gra-
ziose . Lo studio delle ovidiane elegie vi cam-
peggia per tutto. I colori latini vi s’ incon-
trano ad ogni tratto. Non mi piace però
quella conservazione dello stesso metro in
tutte. Parmi che, se lo avesse l’autore va-
liato, avrebbe fatto più piacere a chi leg-
ge, e più onore alla lingua nostra, Ia cui
fecondità non ama d’essere ristretta. Mi
pare, a cagione di questa uniformità di nu-
mero, di sentire per entro a queste elegan-
ti canzonette quel suono sempre cadente
ad un modo, che mi stanca ne’ versi mar-
telliani. Io forse m’ingannerò. Voi mi
trarrete d’errore, se vi sono .

Ho già scritti due atti della nostr’opera,
con qual fatica e con quale struggiinento
di testa io non vel posso dire abbastanza.
II Trajetta maestro di musica, clve ora gli
va modulando, se ne mostra molto con-
tento. Restano ancora tre atti, e vogliano
le favorevoli muse che ne possa yedere con

suc-
loading ...