Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 102
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0110
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0110
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
103 LéTTER?

nio che uguaglia con la bontà la grandez-
za del suo sangue , ne ride, ne fa una
graziosa guerra al vostro illustre amico .
Non la mettete più nelle vostre lettere,
raassime che lo stile francese ve ne disob-
bliga senza deformità.

II dramma nostro si avanza . II maestro
di musica mette sotto le note i versi, che
caldi gli vengono dal mio tavolino. Egli si
trova contento di questi. Si sente accen-
dere, e spera di riuscir bene . II vogliano
i genj protettori del teatro, se pure alcrm
si vuole impacciare con l’indocile popolo
dei danzatori e dei musici .

Amatemi, e preparatevi a tornar presto ,
dove una corte sì splendida tanto vi di-
Stingue, e vi vede volentieri. Addio .
loading ...