Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 103
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0111
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0111
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E 6

100

XX.

Parma 8. maggio 17^9.

IL A vostra elegantissiraa lettera è passata
dagli occhi del nostro divino raonsignor du
Tillot, e da quegli tanto veggenti di mon-
sieur de Keralio e dell’abate di Condillac
sotto gli sguardi sovrani . Ha riportato le
lodi dei priini, e si è resa iramortale nelF
approvazione suprema . Yoi fate bene a ter-
rainare codesta vita ragionata di Orazio,
che in voi vive ancora ; perchè gran pia-
cere sarà il mio, e sarà di tutti di leg-
gerla al vostro arrivo. Monsieur de Kera-
lio ha scritto al duca di Nivernois per ave-
re il paralello di Boileau , d’ Orazio e di
Rousseau ; e giunto che sia, sarà nelle vo-
stre raani.

Io non perdo mai di vista gli amici il-
lustri, che fanno onore al. mio nome. Ho
voluto sapere che sarà di voi al vostro ri-
torno ; ed ho anzi acconciamente toccato
che gli onori accordativi la prima volta ri-

G ^4 ce~
loading ...