Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 104
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0112
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0112
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
104 Lettere

ceveranno luce dalla continuazione . Sap-
piate per tanto che tornando qui sarete in
Parma alloggiato in casa di monsignor du
Tillot, ed andando aColorno, avrete pure
alloggio in sua cas-a . Tutto io procuro,
perchè il vostro merito si distingua. La
corte è tutta in Colorno. Non è picciola
distinzione, che lontana ancora pensi di-
stinguervi in Parma , quando sarebbe assai
che vi distinguesse dov’ella si truova. Po-
chi possono di tali distinzioni compiacersi.
Ma troppo vi distingue il Vostro genio, per-
chè tutto a voi non s’ accordi. Monsignor
du Tillot è un genio, che pochi uguali eb-
be ed avrà nel mondo. Ditemi il dì pre-
ciso, che tornerete a noi. Bisogna che io
lo sappia qualche giorno avanti.

II nostro Sovrano è pienamente soddi-
sfatto della mia fatica. Ne ha veduto le
prime due recite con soraino piacere. Og-
gi torna da Colorno a vederne la terza ;
ed ogni settimana una o due volte torne-
rà. Madama Isabella verrà ancora qualche
giorno a vederla. II teatro è sempre pie-
nissiino . La musica è divina , e divina-
mente canta e rappresenta la Gabrielli. Gli

altri
loading ...