Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 109
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0117
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0117
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . lOg

iìnito di leggergli, cbe rivolto alle muse
ho pregato : Coronate l'altissimo poeta .

Abbiasi pure a male Bettinelli la proe-
miale vostra lettera. Più dobbiaino voi ed
io recarci a male che ci abbia senza sapu-
ta nostra stampati , e messi dopo quelle
dieci lettere , che meritamente hanno ri-
svegliato il pubblico disdegno . lo certamen-
te nella starnpa delle cose mie premetterò
nel proemio poche, ma sagge querele, che
i poeini miei sieno stati, la sua mercè,
impressi, senza esserne stato prima inter-
pellato , massime che i miei sono qua e
là sparsi di mende e di alterazioni solite
a scorrere nelle copie infedeli, e non pri-
ma da me riveduti e corretti e raffazzona-
ti in guisa, che il pubblico potesse trovar-
gli meno indegni del suo gradimento .

Or venghiamo acosa, che molto m'im-
porta . Io per le nozze di madama Isabel-
la vo’fare una raccolta sceltissima di lodi
poetiche ; ho pregato le più celebri penne
d'Italia, e niuna ha ficusato . Priego ora
la vostra veramente intinta nel xnele ca-
stalio , e priegola d’ un poemetto in versi
sciolti; e sono sicuro che non mel neghe-

rà.
loading ...