Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 111
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0119
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0119
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T * ,

111’

XXIII.

Parma 16. ottobre i759“

lo non so fra mille occupazioni, che mi
stancano, se yi abbia scritto, percbè qual-
che poemetto scriviate per l’augusto mari-
taggio di madarua Isabelia con l’ arciduca
Giuseppe . Se mai fatto io non lo avessi,
eccoini a farlo con gran sollecitudine e con
giusta speranza . Poclie penne d’ Italia le
più felici sono da me pregate per pubbli-
care in sì fausto avvenimento una sceltis-
sima raccolta , che faccia onore all’argo-
mento ed alla poesia. Da tutte è stato ac-
cettato l’invito. Potreste voi non accettar-
lo, voi, che tanto illustrate col vostro di-
vino stile i gran nomi e le italiane muse?
Per gennajo venturo mi fa inestieri aver
tutti i componimenti, onde farne un’im-
pressione splendida ed accurata . Yorrei
sovente aver vostre novelle ; ma voi con-
versate troppo con yoi stesso al tavolino e
sulle carte erudite , per potervi spesso ri-

oor»
loading ...