Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 116
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0124
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0124
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

timana a far con monsignor du TiIIot la
vostra commessione ; ed egli mi promise
che vi avrebbe regalate le stampe e le due
bottiglie di peralta . Doveva pure scrivervi
che monsieur Petitot personalmente ito a
visitare in san Giovanni le consapute pit-
ture, non vi ha trovato afsatto nulla di quel-
3o , che domandate . Io tuttavolta non so
se monsig. du Tillot in questo turbamento
nostro avrà ancor messo ad effetto le sue
promesse; ma quando occupatissimo di pre-
sente le avesse difserite, io fra poco oppor-
tunamente glie ne rinfrescherò la memoria.

Piicordateyi le nozze di madama Isabel-
la , per le quali avete promesso di canta-
re. Questo presente lutto le farà forse un
po’ più dilungare, ma certo debbono se-
guire , e voi sacerdote delle muse dovete
celebrarle. I due sonetti miei per la esal-
tazione del nuovo re cattolico sono stati
ben fortunati, se il favor delle belle boc-
che si è interessato per essi . Le gentili
donne forse sanno quanto io sempre sono
stato devoto del bel sesso, e però mi fanno
grazia. Yoi contiuuateini quella di amarmi,
e di credermi Padoratore del yostro ruerito .
loading ...