Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 118
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0126
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0126
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i 18 L E T T E R E

tragga seco altre cagioni di rammarico. Un
gran male non viene mai solo. Io non ho
l’animo tranquillo . Temo poco per me.
Temo sempre più per gli altri, che meri-
tamente m’interessano all’estremo . Yero
è che questo mio timore non ha ragione
alcuna, che lo giustifìchi ; ma tuttavia te-
mo gli accidenti, le cabale e tutte quelle
miserie , deiie quaii abbonda la corte ed
il mondo .

Yoi conservatevi, e continnate a vivere
lietissimo in grembo delle muse e quan*
do di starvi siete stanco, mettetevi in brac-
cio alle Grazie e ad Amore ; e nella vostra
felicità non vi scordate di chi vi ama, vi
ammira ed è vostro e sempre tutto vo-

stro .
loading ...