Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 123
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0131
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0131
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
InEDITE» 12%

ter offerire ai suoi altari , se non belle }
almeno cose non ancora yedute.

*0*0iC*G*0+0*C*G*0*0*0*0^

XXIX.

Parma 11. giugno l'jQo*

'"V or siete crudele. lo vi scriyo, y’invito
ali’opera nostra. A^oi non mi rispondete .
Tuttì qui mi chieggono quando yenite . Io
non so che mi rispondere . Non oso pro-
mettervi al nostro spettacolo, nè allo stes-
so negarvi. Toglietemi di questa dubbiez-
za, e ditemi che far volete, onde io pos-
sa rispondere sicuro . Parmi che disdireb-
be, se non veniste.

Debbo confidarvi cosa , che voi terrete
secretissima. L’immortale ministro , amicO
delle anime illustri, e però vostro, vorreb-
be sapere qual buon dipintore ed architet-
to teatrale si potrebbe avere, oltre il valo-
roso sig. Pesci, di cui ancora intende va-
lersi per l’opera delle nozze in autunno 5

e de-
loading ...