Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 125
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0133
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0133
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
XnEDITSh

ia5

XXX.

Parma a3> settetnbre 1760.

Vo r fate rivivere Orazio nelle vostre car-
te, che ce ne rappresentano la vita, schiu*
dendone le notizie più belle dai suoi divi-
ni versi , che vivono e vivranno sempre
dopo lui. Io l'ho letta con sommo piace-
re. Parmi scritta cotne merita quel divino
scrittore, del quale ci rinnova lamemoria,
e la tramanda eterna ai nostri posteri. Bea-
to voi, la cui penna sempre maestra e sem-
pre feconda per arricchire continuamente
il pubblico non impoverisce mai !

AI nostro incomparabile ministro io par-
lai di questa operetta vostra novellamento
trasmessami ; ed egli mi disse che l’avre~
ste inviata anche a S. A. R. ed a lui, aven-
doglielo voi detto quando qui eravate . Io
risposi che lo avreste fatto. Ora vedete cha
vi convien farlo , e farlo sollecitaxnente
Potrete al ministro inviare il libro per S.
A. R. t e P altro per lui , e cosl questo

adem-
loading ...