Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 129
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0137
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0137
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E. 13g

stre , e di assicurarvi che la vostra cartel-
la avrebbe tra poco avuto qualche cosa del
nostro valoroso monsieur Petitot . Yerran-
no pure i libri, che vi ha promesso, ver-
rà il nettareo peralta. Vorrei poter venire
ancor io dove voi siete , e vosco poi di-
scendere al mare, dove regna la libertà ed
ii piacer della vita. Sono pieno d'Aurisbe.

Ma passiamo a cose altre inen dolci e
meno toccanti . Sapete voi che in brieve
dovrò insegnare al real principe Ferdinan-
do la lingua italiana , e dargli le notizie
più importanti sopra i nostri autori piu ce-
lebri, e più confacenti alla condizione sua ?
Di grazia consigliatemi . Io so la lingua ;
ma non saprei coine insegnarla. La miglior
grammatica si è certo quella clel Buommat-
tei. Le particelle del Cinonio sono d’ un
gran soccorso . Ma credo che pochi esser
debbano i precetti ; molta l’osservazione e
la lettura degli scrittori scelti e convenevo-
li. Non mi tacete qualche vostro buon av-
viso, che possa giovare all’augusto allievo .

Ditemi che libri provvedereste per lui ;
in fìne ditemi tutto ciò, che fareste voi
stesso in si fatta incombenza.

To; XIII. I
loading ...