Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 133
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0141
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0141
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

l35

XXXV.

Parma 22. marzo 1761.

T^roppo timido è il vostro Tesi. Lo vor-
rei tanto intraprendente, quanto è Yaloro-
so ; ma temo che il suo tiinore sia stata
una lodevole scusa, o ragione di non accet-
tare e non intraprendere. Si è in sua ve-
ce chiamato il sig. Bibiena di ,costà, che
verrà a momenti.

Noi abbiamo tra le inontagne vicinissi-
me a Parma un lago assai ricco d’ acque ,
del quale si vorrebbe da questo nostro in-
comparabile genio custode della pubblica
felicità far qualche uso assai utile alle ter-
re di Parma. Si vorrebbe sapere, se vi sa-
ria qui qualche abile conoscitore e diret-
tor d’acque, non uomo teorico solamente,
ma pratico solenne, il quale, veduto il Ia-
go e le altre circostanze , potesse fare un
progetto plausibile , quando se ne venisse
airesecuzione. Se voi potete suggerire qual-
che suggetto idoneo, nol tacete a me, che

I 3 non
loading ...