Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 135
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0143
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0143
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E ,

XXXVI.

Parma 8. aprìle 1761.

Dal ministro ricevo la vostra Iettera e il
vostro aureo libretto . In prosa ed in ver-
r»i voi valete quanto valer possa un egre-
gio conoscitore, e possessore della gemina
fdoquenza . L’ argomento era degno della
vostra penna . Ogni buon governo ve ne
dee saper grandissimo grado . Una prosa ed
un poemetto utile allo stato . Avete in am-
bo unito il delectare ed il prodesse d’Orazio.

Povero quel verso mio, che si vede ac-
canto i vostri degni del cedro ! Qtianta ro-
bustezza, quanta purità, quanto splendore
non ispirano mai essi per ogni parte ! Io
mi rallegro con voi e v’ invidio .

II sig. Tiepolo , ii veneto Apelie , cer-
to si è ingannato. Eccovi una sua lettera,
che mi viene sotto il mio nome, che cer-
tamente è scritta a voi. Scominetto che voi
avete avuto quelia ch’era scritta a me .

I 4
loading ...