Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 136
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0144
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0144
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i36

L E T T E n E

XXXVII.

Parma 3o. luglio 1761.

Dal signor abate Forlani una niia avrete
avuta, e senza attenderne risposta io vor-
rei incaricarvi d’una scoperta, la qual pe-
rò vorrei presto eseguita. Io so che costì
dimora il celebre padre Frisio bernabita .
Or sappiate che più volte io ho udito il
nostro immortale ministro monsig. du Til-
lot desiderare di avere in Parma un valen-
tuomo come lui. Scandagliate un poco , ve-
dete , se in codesto abilissimo suggetto vi
fusse qualche disposizion buona per attac-
carsi a questa corte ; ma non mostrate che
la corte, o il ministro lo ricerchi. Io du-
bito che già sia al servigio dell’imperado-
re, che corae gran duca di Toscana lo con-
ta tra i iettori della sua università di Pi-
sa. Se così fusse, voi vedete che sarebbe
disficile congedarsi di buona grazia da un
principe per servirne un altro. In fine pren-
dete tutti i lunii, e fatelo il più spedita-

mente
loading ...