Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 140
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0148
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0148
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
'l4° L E T T E R E

liziosa, ma sono anche amabili le sue ma^
lizie e le sue periidie. Fa il nostro mestie-
ro . Voi sapete come sono i poeti. Io le
perdono sempre, e sempre l’amo e l’ani-
miro . Non mi lascia in pace mai. Vuol
sempre versi da me. Predicatele un poco
di carità per l’età mia e per le mie occu-
pazioni, che poco tempo e poco genio mi
lasciano per le muse .

Amatemi sempre , e scrivetemi da Ve-
nezia. Voi sapete che io vi riguardo e vi
venero come un principal lume delle no-
stre lettere, e vi amo poi come la gemma
de’viventi. Addio. Sono il vostro ossequio?
sissimo servitore ed amico vero.

■*

o ★
loading ...