Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 147
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0155
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0155
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

147

Quel Corsetto, che lasciò

II suo ciel nimico ai nostro ,

Ed in Parma ritrovò

Tutto il ben nel favor vostro .

Tal favore lo assicuri :

Ma se al fin nol debbo uccidere,
Pria cli’ io mora, venga e giuri,
Se morissi, di non rideì’e ,

k O ★ d> k d> k d> k k C5 * d5* d> + d> k d5 k d> k d> k

A IV .ZV O.T A Z I O N /.

(1) L’autore scriveva infermo di gran raffreddore con
tosse asprissima.

(2) Corsetto era un giovane ufficiale di Corsica al ser-
vigio di S. A. R. molto familiare della dama, clle per
vezzo dice di voler uccidere l’ autore , come genovese ;
e di cjuesta burla molto si ride.

K 2
loading ...