Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 153
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0161
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0161
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i55

L E T T E R E

D I

ALESSANDRO FABRI(i).

I.

Bologna 22. luglio ìySa.

(^uesto tempo, in ch’io poco o nulla ti
ho scritto , è stato speso da me attorno a
quella benedetta orazione sopra la pittura^
alla quale fora meglio per ogni conto ch*
io non avessi pensato giammai. Perchè (la-
sciamo andare la lettura che m’è convenu-
to fare di tutte le storie de’ pittori, che
sono al mondo, e de’ migliori scrittori dt

pre-

(1) Uno de’migliori poeti e prosatori Bolo-
gnesi di questo secolo , come ne fan fede le
sue prose non meno, che le sue rime serie e
burlesche pubblicate in Bologna per opera de’
suoi due figliuoli Giampaolo e Francesco .
loading ...