Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 154
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0162
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0162
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i54 Lettere

precetti pittoreschi, che è stata lunga quan-
to tu sai immaginare ) il metter insieme
una cosa , che avesse sembiante cl’unità,
e che varia fosse e multiplice, m’ha fatto
presso che impazzare, essendomi, come sai
esser mio costurae , ridotto ajdi estremi
giorni a pensarvi da dovero . Ma poi che
col divi.no ajuto m’è riuscito di compirla
e di recitarla a’16. del corrente luglio con.
gradimento cortese di tutti gli uditori, e
con l’approvazione, per quanto allora cer-
tamente dimostrarono, de’pittori stessi, or
non so coine rci si è suscitata contro una
orribile tempesta da que’pittori medesimi,
che vanno spargendo la mia orazione esse-
re stata anzi che altro una satira sfaccia-
tissima, che vilipende tutta la pittura, e
lacera il nome e la fama loro, e poco me-
no che non fanno instanza che per mano
del boja, qual infame libello, si faccia in.
pezzi, e diasi al fuoco pubblicamente j cer-
to che non si debbia stampar giammai que-
sto con tutte forze loro tentano e procu-
rano. Io veramente non ho gran sete che
la si stampi; che Ia non contien pregio in
sè, onde monti gran fatto il doverlo fare,

ma
loading ...