Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 157
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0165
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0165
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

i5j

II.

26. agosto l'jZz.

Sostieni anche per poco di non vedere
la mia orazione scritta ; che guari non può
andare ch’io non la ti mandi stampata; se
pur il parere de’ più prevalerà nell’Assun-
terìa, che su tal affare dee risolvere. Che
quando non prevalesse, o che pur si can-
giasse, tu l’avrai certamente scritta, non
parendomi in modo alcuno , dopo d’averla
a’migliori amici miei comunicata qui, che
non si debbia a te comuaicare costà, il
quale fra tutti gli altri ottima verso ine vo-
lontà ed amore e fede conservi. Ma rispar-
mia per Dio sì onorevole opinione, che
mostri avere deli’ingegno mio e di questa
mia orazione, che nè io sono tale, quanto
m’estimi, ed avendo sotto l’occhio la car-
ta ci troverai per ventura tante inagagne,
che vorrai esser a digiuno d’averla pur ve-
duta ; delle quali ben che alcune ne leye-
rei, pure avendo suscitato tanto romore ,

non
loading ...