Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 166
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0174
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0174
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i66 Lettere

rito e di leggiadria , e per l’altra sono pu~
rissime e castigatissinie sarà giudicata per
apocrifa . Voi intitolate quest’opera tradu-
zione, e la non è; perciocchè il tradutto-
re è tenuto a star legato al testo in ogni
suà parte, e yoi dove avete variato l’ordi-
ne , dove alterato i sentimenti , e taciuti
per fino i versi interi deli’autore. Nè si
può dire che voi abbiate migliorato il te-
sto ; perchè quantunque inoltissime iuezie
vi abbiate lasciato indietro, per tutto ciò
innumerabili ve ne avete lasciato per en-
tro; nè altramente far si potea da chi vo-
lea tener pur orma deH’originale. II citato
più voite da voi Presidente vostro (1) ha
fatto corte al genio della nazione trapor-
tandole dal latino quelle forme vive e spi-
ritose, di ch’essa è vaghissima, e di che
non 2luò negarsi che Petronio non sia ri-
pieno . Oltre che avrà riputato Petronio
stesso nazionale , come lo hanno creduto
assaissimi de’latini scrittori. Per questo egli
troverà scusa presso gli estranj, e approva-

zion

(1) Mt di Bouhier autore della traduzione
srancese .
loading ...