Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 168
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0176
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0176
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2 68 L E T T E R E

come il cuor mi predice, e se al contra-
rio ( che tolga Dio sempre ) per attristarmi
pur con voi e per confortarvi . A quel
che intendo, voi non istate ozioso pur un.
momento , della qual cosa io vi lodo as-
saissimo . Le muse sono sì perdute dietro
voi, che così vergini come sono e dilica-
te, vi tengon dietro ne’ viaggi più malage-
voli, e con voi albergano nelle più disa-
giate osterie . Or fateci dunque gustar al-
tri frutti di sì beata compagnia. Di me
dirovvi ch'io sono sano e robusto, la Dio
mercò, come di venticinque anni. Ma per-
ciocchè io ne ho quasi il doppio , la me-
moria e la vista ogni dì vanno più decli-
nando , la qual cosa aggiunla agli afsari,
che io ho , è cagione ch’ io non applico
più a studio alcuno, siccome piacerebbemi
di poter fare. In luogo di questo bene,
ch’ io perdo , vo acquistando de’ iigliuoli ,
e la più parte sicuramente per Dio j poi-
chè di tre, che ne ha partorito la moglie,
un solo maschio n’è vivo, il quale ora ha
tre anni e inezzo ; gli altri due sono mor-
ti. Questi quantunque dilicato di comples-
sione, è sano per grazia di Dio e vivace

sì.
loading ...