Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 185
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0193
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0193
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. i85

non più in Berlino, ina nella Slesia di-
morante, che le benigne risposte vostre al-
la replica, che in ottobre vi feci, non as-
sai tempo dopo il suo puerperio mi doves-
sero pervenire. L’amor vostro ha superati
tutti gl’impedimenti, e noi siam certi del
favor vostro prima che veggiam la prole,
su cui dee cadere. Ma ella è assai vicina
ad uscire, tanto che ella avrà prima d’es-
so favor goduto , che voi abbiate questa
mia lettera ricevuta . Anzi credo che cir-
ca gli otto del corrente , poco più tarderà :
di che sarete opportunamente certifìcato .
Franceschin nostro restituito per misericor-
dia di Dio a salute ebbe da me la vostra
lettera , e mi comanda d’abbracciarvi ca-
rissimamente. Oggi è stato il quarantesimo
giorno del suo decubito , e dornani se gli
comincia a dar cosa da masticare. La com-
missione per tanto è rimasa al vostro Eu-
stachio , il qual sarà certamente qui . Di
questo pensiero similinente , che vi siete
preso , quanto merita la diligenza e l’amor
vostro , così ve ne professo obbligo, e vi
rmgrazio . Don Domenico mio , a cui ho
ietto quel pezzo di lettera, che ad esso

par-
loading ...