Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 190
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0198
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0198
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ig° L E T T E R E

allievo di inonsìgnor Giampoli, uno de’più
stimati ingegni del secolo preceduto . Fu
Istoriografo d’ IJladislao IV. re di Polonia
e di Svezia , e scrisse i fatti succeduti in
Polonia nel regno di Sigistnondo III. pa-
dre d’ Uladislao ; ch’ io non so poi se ve-
nissero posti in ìuce. Morto il suo padro-
ne, sotto il quale poco avanzò infortuna,
tornò in Italia, e fu del i656. Nel qual
anno pose in luce il libro politico soprad-
detlo dedicato a Papa Alessandro settimo,
promettendo nella prefazion d’esso di met-
terne fuori un dietro l’altro quindici, e
cioò Hno al 1600. cinque de’quali avea già
del tutto in ordine , sette bozzati, e quat-
tro in embrione . Se poi il facesse nol so,
nè potendo uscir di casa, posso venirne in
chiaro . Chi rni ha dato il comodo di ve-
der questo libro altro non mi ha inanda-
to. La sua maniera di scrivere èlaconica,
ma ordinaria assai, e nelle sue riflessioni
non ci trovo gran studio . Quel ch’egli ha
di migliore sono i testi degli autori, ch’egli
porta distesi nel margine della sua opera,
de’quali toltine gli antichi latini Storici,
e la politica d’Aristotele , molto deserisce

agli
loading ...