Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 195
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0203
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0203
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i9S

L E T T E R E

BELL’ A B A TE

SCARSELLI(i)

I.

Ronia 8. maggio 17/^S.

L}opo lungo desiderio ed assai spesse quan-
do preghiere e quando doglianze, ebbi già
dal sig. Alessandro Fabri le opere di Stefa-
110 Benedetto Paliavicini da Y. S. Illustris-

sima

(1) Uno de’piu cari e fedeli ainici del con-
te Algarotti, Fu lettor pubblico di belle lette-
re, segretaiio dei Senato, indi dell’ambascieria
di Bologna sua patria, in Roma . La sua tradu-
zione del Telemaco in ottava rima , e parec-
chie altre opere in prosa e in poesia gli con-
seguirono un posto distinto nel bel drappello
de’ letterati bolognesi di questi ultimi tempi .
Morì in Bologna nel 1776.

N 3

/
loading ...