Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 196
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0204
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0204
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3-9*5 L E T T E R E

sima diligentemente raccolte, e in vaFÌ®
guise illustrate edornate; ed ora per mez-,
zo del signor dottore Gregorj ricevo l’eru-
dite lettere di Polianzio ad Ermogene in-
torno alla traduzione, che fece della Enei-
de il Caro . Nel qual Ermogene , se non
m’ inganna Ia opinione che ho di lui , ©
l’arnor che gli porto , parmi di ravvisar©
il nostro sì eccellente e soave cantore , e
tutto insieme sì discreto e costumato ama-
tor delle lettere Santarelli. Ancorchè io
pregassi già il sig. Fabri, ed or abbia pre-
gato il signor Gregorj di rendere in mio
nome le dovute grazie a A. S. Illustrissima
di sì pregievoli e rari doni ; tuttavolta mi
compiaccio di soddisfare dirittamente io
stesso a quest’ufhzio, non tanto per argo-
mento di più rispetto , quanto per pigliar
quindi occasione di congratu.Iarmi con lei
delle sue dotte ed egregie fatiche . Delle
opere del Pallavicini non ragionerò questa
volta ; perciocchè non sì tosto mi giunse-
ro, che passarono ad altrui mani, nelle qua-
li ancor si ritrovano. Ma delle lettere di-
rò ben io ingenuamente quel che ne sen-
to , che sarà forse troppo alla sua mode-.
loading ...