Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 203
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0211
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0211
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ìnedits» 203

Fondersi in tutto nella singolare sua uma-
nità e benevolenza verso di me . Dacchè
mostra sì buona opinione del mio Telema-
co, io dovrei lasciar correre questo ingan-
no , e non esporre il poema al rischio di
perderla . Ma io amo più presto il piacer
suo, che non l’ interesse mio proprio , il
quale per altro non può non esser salvo
nelle sue mani. Mando adunque il libro
immediatamente dopo la sua pubblicazione
al signor Sebastiano Sartori a Venezia; an-
zi ne invio due esemplari , uno per lei,
l’ altro pel suo glorioso e magnanimo re .
Ho preso coraggio di fare per suo mezzo a
S. M. questa umilissima ofserta dalla fama
che di lui corre, e che trovo da V. S. II-
lustrissima confermata ampiamente, ch’ egli
accoppiando con raro eseinpio a senno e
valore guerriero il genio delle belle arti,
e una scelta erudizione e dottrina, ami le
lettere, protegga i letterati, e intenda e
gusti le nostre rime italiane. Sarà neces-
sario far legare in conveniente forma que-
sto esemplare . Io la prego a prendersi que-
£ta briga, e sarò pronto a rimborsarla del-
la spesa occorrente . Ardisco di accompa-

gnare
loading ...