Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 206
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0214
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0214
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
206

L E T T E II E

D E L CONTE

ALGAROTTI

IV-

Potzdam i5. inarzo 1748.

Io sperava potere a risposta significare a
V. S. Illustrissiraa , che ho fìnalmente ri-
cevuto quello, che da tanto terapo aspetto
e con tale impazienza , voglio dire il suo
Telemaco. Ma jeri solamente ho avuto no-
tizia ch’egli è partito da Venezia, quando
io credeva ric.everlo qui. Arrivato ch’e’sia,
io il presenterò al re col sonetto suo, che
è per ogni sua parte grave e magnifico ,
degno in somma del poeta e dell’eroe. El-
la sarà pienamente informata del gradimen-
to del re , del quale ella può esser certa
fìn da ora . II re araantissimo d’ogni arte
desidera avere le vedute di Roma, come
la piazza del popolo il Campidoglio ec. Mi
pare che la raccolta se ne troyi costì ap-

presso
loading ...