Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 211
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0219
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0219
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 211

del sacro palazzo la ringraziano ancor essi
dei due esernplari daila sua gentilezza lor
destinati, ed il secondo risponderà tra po-
co alla sua lettera, poichò avrà leggendo
goduto della sua dotta ed elegante fatica .
Questa è restata non più oltre di un gior-
no nelle mie mani , e posso dirle che in
sì breve tempo ho profìttato quanto ho po-
tuto ; e quantunque io sia esule dal regno
clella fdosofia , e perciò mal atto a giudi-
care delle grandezze e delle glorie di que-
sto regno ; ad ogni modo mi è sembrato
nella sua opera il gran Neutono costituito
principe e legislatore di quella, e lei pri-
mo ministro e promulgatore delle sue leg-
gi . Questa edizione a mio debol giudizio
è veramente la più degna e la più plausi-
bile di tutte l’altre, e le molte mutazioni
e riforrae che vi ho scorte, hanno perfezio-
nato i suoi dialoghi, i quali sono scritti
con artifìzio tanto più raro e mirabile, quan-
to più appajono semplici e naturali . Me
ne rallegro di vero cuore con Y. S. Illu-
strissima, e la prego a serbarmi la sua pre-
giatissima grazia ed amicizia . Certo argo-
mento di questa sua cortese continuazione

O 2 di
loading ...