Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 214
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0222
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0222
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2,14 Lettere

tuere. Mi va per l’animo una idea che io
le voglio pur comunicare. II re, siccome
egli è grandissimo ammiratore di Cicerone,
così amerebbe di averne un bel busto an-
tico, siccome io compresi altra volta. Sd
N. S. gliene mandasse uno ; o in difetto
di ciò, qualche bella statua per ornarne i
giardini di Sans-soucy degni veramente di
qualunque più x’aro ornamento ? e già in
questo genere ìxe hanno molti ; massima-
mente alcune statue mandate dal re di Fran-
cia, e tra le altre un Mercurio diPigalle,
che è una delìe belle statue moderne che
io mi abbia vedute. Ancora un hel pezzo
di arazzo ovveramente di mosaico potreb-
be fare al caso. V. S. Illustrissima potrà
insinuare questa idea, la quale pare a me
per ogni rispetto convenientissima . E mi
piacerà moltissimo sentire quello ch’ella ne
pensi. Ma senza iine mi è piaciuto il giu-
dizio ch’ella fa de’miei Dialoghi ; ed è ta-
le da farmi levare in superbia. Alla mira
altissima della approvazione dei gran mae-
stri dell’arte io aveva appunto rivolto l’oc-
chio ; e mefelice, se ella, siccome è del
bel numero uno, così ancora è tra coloro

cho
loading ...