Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 216
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0224
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0224
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2 l6

L E T T E R E

DEL MEDESIMO
VIII.

Potzdam i3. marzo iy5i.

Dopo Tultima mia scritta a V. S. IIlu-
strissima il discorso cadde alla tavola del
re sopra le opere di mosaico. Furono ce-
lebrati, come era dovere, i lavori che si
fanno costì, e che S. S. con tanto proht-
to delle arti fa continuare tuttavia . II re
mi ha comraesso di domandare a che som-
ina pptrebbe montare un quadro di mosai-
co di cinque piedi in circa di altezza e sei
di larghezza, con due o tre iigure del più
fìnito lavoro che aver si potesse. II sogget-
to vorrebbe esser vago e profano con un.
bel campo di architettura. E forse si tro-
verà costì un quadro di Guido o dell’AI-
bani o del Domenichino con simili requi-
siti. Prego V. S. Illustrissima rispondere
alle sopraddette domande ; indicarmi il qua-

dro
loading ...