Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 217
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0225
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0225
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inebtte. 3'17

clro clie ella credesse più accomodato a ciò
( che la perinissione di farlo copiare si ot-
terrebbe senza dubbio favorevole ) e man-
darmi in un silo le misure precise del qua-
dro. Costì parlano a palmi ; ed io non ne
lio qui la misura. Nori è egli vero che si
sono fatte costì delle tabacchiere in mosai-
co? S’ella potesse aggiungere una relazion-
cina delle opere più cospicue fatte da al-
cuni anni in qua in mosaico mi farebbe
piacer moltissimo . Caso che non si trovas-
se un quadro de’ sopradsdetti maestri ; se
ne potrebbe ordinare uno al Battoni , la
cui maniera (per quanto ho veduto da un
quadro suo in Yenezia appresso il procura-
tor Foscarini , e da alcuni suoi disegni )
mi pare molto bella, e sarebbe il caso pel
gusto del re . Si vorrebbe sapere quanto
il Battoni volesse per detto quadro. Ii sog-
getto potrebbe essere una Cleopatra colsaspi-
cle nel braccio , ed un amorino piangente
accanto a lei, con un campo di architet-
tura, la vista di ury* piramide in lontano,
qualche palma e un bel cielo . Io doman-
derei scusa a V. S. Illustrissima di tanti
disturbi, se la cagione ne fosse men bel-

la.
loading ...