Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 219
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0227
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0227
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .• 219

averlo trovato in persona di Alessandro Coo
chi, Ho parlato due volte con lui, e signi-
Ecategli le misure del quadro e le condi-
zioni di esso , l’ ho ricercato del prezzo ,
ina egli si scusa dal dichiararlo, se prima
non vede il quadro stesso da ridursi a mo-
saico. Di questo quadro adunque si va ora
in traccia ; e dove non trovisi, allora mi
rivolgerò a Battoni, e riferirò a Y. S. II-
lustrissima le sue domande ; e se ritrove-
rassi, manderò le misure e con esse la do-
manda del lavorator di mosaico . Intanto
per soddisfare all’ altre di lei richieste le
invio il foglio originale del predetto Coc-
chi, leggendo il qual foglio dovrà ella ri-
jnaner contenta delle notizie che in esso
contengonsi, senza mirar troppo alla pre-
stanza della lingua e alla esattezza della or-
tograha . Le mando ancora la misura del
paimo romano da architetto, la quale è al-
quanto diversa da quella dei palmo roma-
no da mercatante. Con le prime avrò qual-
che cosa di più preciso da scriverle. Intan-
to il poco che ho fatto basti per argomen-
to di queila pronta obbedienza, che debbo
a’ suoi ordini regolati da sì eccelso e nobil

fme.
loading ...