Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 220
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0228
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0228
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
220 L E T T E R E

iìne, com’è quello di servire aì suo glorio-
so raonarca . La signora ambasciatrice la
quale rai dà non picciolo ajuto in queste
ricerche, mi coraraette di riverirla con ogni
maggior distinzione , ed io nella sua pre-
giatissima grazia e benevolenza raccoman-
dandorai, sono con tutto il rispetto .

Io sono stato in dubbio se dovessi a se-
conda del pensiero di Y. S. Illustrissima in-
sinuare al Papa il regalo di un busto di Gi-
cerone, o cli altra statua, od arazzo o mo-
saico da farsi a S. M., ma poi avendone,
corae di pensier mio , fatta la confidenza
a raons. Malvezzi, egli mi ha dissuaso dal-
la ideata insinuazione, non essendo distile,
nè riputandosi conveniente che il Papa re-
gali aicun principe non cattolico. Solo nel
discorso che N. S. ebbe ineco de meriti
singolari delre, io presi occasione cìi com-
niendarlo eziandio del grandissimo conto
in ch’ei tiene le statue e i monumenti an-
tichi, e cli far palese la braina che nutre
di ornarne magnificamente i suoi palazzi e
giardini, e notifìcargli le coramissioni che
per lo addietro mi erano da lei giunte di
proyvederlo dei disegni delle più belle ve-

dute
loading ...