Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 222
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0230
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0230
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
222

L E T T E R E

DEL MEDESIMO

X.

Roma 8. maggio \rjSi.

Doro la lettera che da tre settimane per
mezzo del signor Bonorao trasmisi a V. S.
Illustrissima con entrovi un foglio di Ales-
sandro Cocchi, uno de’primi lavoratori in
mosaico , ho tardato oltre la opinione ed
aspettazione mia ; ma ho almeno il conten-
to di soddisfare a tutte in un tratto , se
io non erro, le sue domande. Si sono fat-
te e da me e da persone più pratiche che
io non sono delle gallerie di Roma le de-
bite diligenze , per ritrovare, se possibil
fosse, un quadro delle misure e condizio-
ni da lei accennate, del quale o il Dome-
nichino o Guido Reno o l’AIbano fossero
autori . Un solo che in qualche modo si
accosta al suo desiderio, ed è delI'Albani,
si è trovato nella celebre galleria di casa

Co-
loading ...