Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 226
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0234
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0234
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Lr E T T E R E

per quanto le è piaciuto operare per ìi
mosaici , quanto pel mio diploma d’Ar-
cadia . Che non ho io potuto far per lei
cosa, che so le avrebbe fatto piacer gran-
dissiino e a me infìnito? Ma di questo co~
ra'm ; che Dio voglia sia quantoprima, co-
me pur spero ; che non so dirle quanto
grande sia 1 a brama che ho di riveder l’Ita-
lia gli amici ia nobil Roma e lei. Nell’aì-
tra mia lettera io le diceva quello che le
replico ora ; cioè che ii Re non ha preso
alcun partito intorno a’ mosaici . Io aveva
immaginato quello che ella mi dice nell’ul-
tima sua , che avrebbono scemato qualche
cosa delprezzo , ma ciò fu niente. Potreb-
be essere che al mio venire in Italia egli
mi desse intorno a ciò qualche cominissio-
ne ) ed io ricorrerò a lei, ii cui nome è
noto al Re sì per ia bella opera sua deì
Telemaco , sì per quanto ha voluto fare,
acciocchè Berlino e Potzdam fossero arric-
chiti delle arti Italiane . Alla valentissima
signora ambasciatrice mille rispetti, al re-
verendissimo padreOrsi, a monsignor Mal-
vezzi mille signifìcazioni della più alta sti-
ana. E s’ella yolesse porrni a’santissimi pie-

di
loading ...