Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 229
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0237
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0237
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N fe B 1 T È *

partecipazione che vuol farmene prima di
pubblicarle. II nostro signor Francesco Za-
notti ha stampata un’ opera sopra la forza,
de corpi che chiamano viva , distinta in
tre libri e composta in forma di dialoghi ,
la quale per la copia ed eleganza e grazia
del dire può paragonarsi col Cortegiano
del Castiglione, e per la dignità e difficol-
tà della materia l’avanza* II padre Piiccati
gesuita è il segno principale in cui feri-
sce quest’opera» I ragionarnenti si fìngono
in Napoli , e gl’ interlocutori sono , oltre
l’autore, la signora principessa di Colubra-
no , il sig. marchese di Campo Hermoso ,
il signor d. Francesco Serao , il signor d.
Niccola di Martino, il signor d. Felice Sa-
batelli, e il sig. conte della Cueva . É in-*
credibile il piacere che ho tratto dalla let-
tura di questo libro. Mi persuado che il
sig. Zanotti l’avrà già trasraesso a Y. S. II-
lustrissima , che potrà giudicarne meglio
di me , e con più fondamento e con più
vantaggio lodarlo . La signora ambasciatri-
ce monsignor Malvezzi e il padre Bosco-
vich con ogni distinzione la riveriscono .
Ma chiuderò questa mia con un saluto cha

P 3

.1
loading ...