Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 231
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0239
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0239
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 3,51

:;.'s r.i •’> .2. .

DEL CO N T E

A L G A R O T T I

j ■. i.ini

XIII.

• _ ; 2 s•

Potzdam 2,8. aprile ì y5a.

; , / . .inirsL :

La lettera di Y. S. I. degli n. marzo
prossimamente passato nii è stata cagione
di piacer grandissimo . Tanti sono i testi-
monj ch’ella contiene della amicizia sua.

C • ; . • : r • rr> I ) j(\*

Nil ego prcetulerim jucundo sanus amico.

Ed ella non solamente è jucundus, ma pro-
fittevole, onorevole , ed ha tutte le parti
da fare levare altrui in superbia, il quale
possa darsi vanto della sua amicizia. Che
le dirò io delle gentilissime cose ch’ ella
mi dice da parte di cotesta signora amba-
sciadrice di monsignor Malvezzi del padre
Boscovich? Sta a lei a ringraziarmegli de-
gnamente da parte mia ; che già nol po-
trei fare io . E quello ch’ ella mi dice di
P 4 N. S.
loading ...