Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 233
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0241
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0241
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ineditk»

s33

DEL MEDESIMO
XIV.

Venezia ìz. rnaggio 1754*

Ella mi compianga se in vece di veni-
re ad abbracciarla in Pioma, come era ii
mio disegno, io vengo a visitarla per lette-
ra ; e ciò nel punto di partire alla vol-
ta di Berlino. Di quante cose non avrem-
rno mai ragionato insieme , qual sete nou
era. quella che io ayrei yoluto sbramare ,
e quali grazie non avrei io procurato di
renderle personalmente delle tante cose
ch’ ella ha fatto per me ! Ma così va : sto-
macho laboravi, che è il peggior male che
ci sia, e mi è convenuto , come si dice ,
attaccare alì’ arpiorxe le migliori mie vo-
glie . La prego volere signifìcare a S. S.
il dolor mio, il quale io procuro di espri-
mere in questa lettera qui inchiusa, che
la prego volergli presentare. Io partirò tra

quio.’
loading ...